SUL TAGLIO DEI POSTI LETTO IN CHIRURGIA

In relazione a quanto apparso sulla stampa riguardo il “taglio dei posti letto in chirurgia” risponde il Responsabile di Area Chirurgica dell’Ospedale “Versilia”, dott. Massimo Cecchi.
“La riduzione dei posti letto in chirurgia era già prevista e programmata prima dell’estate, quindi con la precedente direzione e prima dell’epoca di spending review, ed è stata conseguente invece a numerosi fattori come il miglioramento del tasso di occupazione dell’area chirurgica, inferiore rispetto agli standard richiesti. La riunificazione delle UU.OO. di Chirurgia in una unica Unità Operativa che ha permesso un’unica programmazione delle liste di attesa e quindi un uso più funzionale dei posti letto. Il miglioramento dell’appropriatezza chirurgica e di conseguenza  l’esecuzione di un numero sempre maggiore di interventi in regime di week surgery, day surgery o ambulatoriale.

La riduzione dei posti letti nel corso degli anni 2007-2012 infatti non ha avuto corrispondenza  con una riduzione della attività delle sale operatorie.  Il numero di interventi erogati è rimasto costante così come la complessità della casistica migliorando al tempo stesso l’adeguatezza agli standard assistenziali richiesti. Il volume di attività dell’area chirurgica dell’Ospedale Versilia è tra le più alti in Toscana con numerosi esempi di eccellenza, e sia gli operatori che la direzione non hanno nessuna volontà nè interesse a ridurla.

I Commenti sono chiusi

'
Sito usl Toscana Nord Ovest
Vaccinazione
Pronto Badante
Carta Servizi Assistenza Territoriale
Pranzo Sano Fuori Casa
Ictus
RSA in Versilia=

Promozione della Salute

Promozione della Salute


Regione Toscana

Agenzia Regionale di Sanità