LO STATO DI SALUTE DELLA SANITA’ VERSILIESE

ospedale-versiliaIn un momento di estrema crisi e di grandi difficoltà che coinvolgono e condizionano i vari settori della nostra società, ritengo doveroso e giusto evidenziare con orgoglio alcuni dati che, in questi giorni, emergono a livello regionale e nazionale riguardanti la nostra Azienda Sanitaria.

Anzitutto, “Il Sole24ore” in data 10 Aprile pubblica il report dal Centro Studi Assobiomedica contenente i tempi di pagamento dei fornitori da parte di tutte le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere italiane.In Toscana la Ausl12 di Viareggio è la migliore, ed è tra le prime a livello nazionale quanto al limite di tempo massimo tra l’emissione ed il saldo delle fatture. Un risultato importante e qualificante, frutto di una attenzione costante verso una corretta gestione del bilancio ed una diffusa e radicata appropriatezza delle spese. Un modo di intendere l’amministrazione della sanità pubblica che non va a scapito della qualità e dei servizi offerti, ogni giorno, sul territorio ed in ospedale. Cioè , avere un Bilancio in sostanziale equilibrio, rispettare gli impegni anche nei confronti dei fornitori rappresenta il riflesso di una corretta ed appropriata gestione dei servizi sanitari offerti ai cittadini della Versilia.

Tanto è vero che il valore del Presidio Ospedaliero “Versilia” trova conferma da quanto emerge dalla valutazione sulle strutture sanitarie italiane, che la rivista Focus propone in una “Guida Salute” recentemente distribuita nelle edicole italiane. Trattasi di dati ufficiali anno 2011 circa la qualità della cure per le patologie più comuni, emersi dallo studio di oltre 10 milioni di ricoveri per 7 milioni di pazienti in 1483 strutture pubbliche e private.
E’ una ricerca divisa in due parti; la prima incentrata sui ricoveri in ospedale per patologie acute, la seconda contenente il quadro dei ricoveri per patologie curabili in ambulatorio, come diabete e asma, o prevenibili, come l’influenza, che non dovrebbero essere curate in ospedale, se non in casi veramente eccezionali.
Estremamente positivi i risultati ottenuti dall’Ospedale “Versilia” in pressochè tutte le voci analizzate:

– Infarto del miocardio: percentuale di mortalità migliore della media nazionale;
– Scompenso cardiaco congestizio: percentuale di mortalità nel mese successivo al ricovero migliore della media nazionale;
– Ictus: percentuale di nuovi ricoveri nel mese successivo migliore della media nazionale;
– Frattura del collo del femore: migliore percentuale in Italia degli interventi effettuati entro le 48 ore;
– Parti cesarei nelle donne al primo parto: percentuale di cesarei ogni 100 pazienti migliore della media nazionale;

Per non tradire una esigenza di completezza nella visione dell’attuale situazione sanitaria della Versilia, sottolineo inoltre che si sta sviluppando la presa in carico globale del cittadino attraverso il modello assistenziale “Casa della salute”, e con la valorizzazione del ruolo dei Medici di Medicina Generale quali attori protagonisti della rete di assistenza.

Attualmente in Versilia ci sono quattro Case della Salute, presso la Croce Bianca di Querceta, la sede distrettuale di Pietrasanta, il Tabarracci di Viareggio e il presidio Campana di Seravezza. Nel corso dell’anno 2013 saranno realizzate altre Case della salute presso la Croce Verde di Forte dei Marmi e a Torre Del Lago; entro fine 2014 anche a Massarosa. L’incremento delle patologie croniche, (diabete, scompenso cardiaco, broncopneumopatia cronico ostruttiva e ictus) viene poi affrontato con un approccio nuovo, la Sanità d’iniziativa, che ha i punti di forza nella prevenzione e nella gestione proattiva ( i pazienti presi in carico vengono richiamati a date prefissate) da parte di un team, costituito da medico di medicina generale, personale infermieristico e specialisti ospedalieri e ambulatoriali. Attualmente in Versilia oltre il 40% dei medici di medicina generale ha aderito a questo modello innovativo che sarà gradualmente esteso fino al 80% entro fine 2014.

Questa breve nota sull’attualità sanitaria vuol rappresentare un messaggio realistico, supportato da dati di fatto, circa lo stato di Salute della nostra Sanità. La sfida del 2013, raccolta dalla Direzione Aziendale dell’ASL 12 di Viareggio, è quella di mantenere il livello qualitativo e quantitativo raggiunti precedentemente, pur fronteggiando una riduzione delle risorse disponibili. I dati ad oggi in possesso confermano questo trend positivo, gli indicatori di valutazione della performance complessiva che sono continuamente aggiornati ci descrivono in una posizione di rilievo nella Sanità Toscana e non si registrano segnali di cambiamento.

Vogliamo, quindi, trasmettere fiducia e meritare sempre più la fiducia degli utenti della Versilia.

Brunero Baldacchini
Direttore Generale Ausl12 di Viareggio

I Commenti sono chiusi

'
Sito usl Toscana Nord Ovest
Vaccinazione
Pronto Badante
Carta Servizi Assistenza Territoriale
Pranzo Sano Fuori Casa
Ictus
RSA in Versilia=

Promozione della Salute

Promozione della Salute


Regione Toscana

Agenzia Regionale di Sanità