LE PRESTAZIONI PER I PAZIENTI STRANIERI

 

In applicazione delle disposizioni normative e regolamentari (D.Lgs. 286/98, reg. 1408/71, reg. 574/72, reg. 631/04, Delibera g.r.t. 493/04) il cittadino straniero di un paese non appartenente all’ Unione Europea ed il cittadino europeo non provvisto di tessera europea di assicurazione malattia o di formulario e111, è tenuto al pagamento delle prestazioni sanitarie ricevute.
Alla dimissione verrà comunicato al paziente l’ammontare della spesa da pagare presso le casse automatiche punto giallo – situate in sala d’attesa del Pronto Soccorso (Emergency Room) e nell’ingresso principale dell’Ospedale – che rilasciano ricevuta di pagamento da riconsegnare all’operatore del triage per il perfezionamento della pratica.
In caso di indisponibilità momentanea al pagamento o di polizza assicurativa, al paziente sarà fornita nota contabile con le coordinate bancarie per effettuare il pagamento successivamente e, comunque, entro 30 giorni.
Tourists from countries outside the e.u. which have no special arrangement with Italy or tourists who are not in possession of a form e111 or its equivalent have to pay for the healthcare service received.

Gli immigrati irregolarmente presenti (privi di permesso di soggiorno in corso di regolarità) che richiedono prestazioni sanitarie presso il Pronto Soccorso, qualora sussista uno stato di indigenza, possono sottoscrivere una dichiarazione di indigenza, valida 6 mesi. In tale situazione vengono erogate, gratuitamente o con ticket, le seguenti prestazioni:

cure urgenti (esonero dal ticket a parità di condizioni con il cittadino italiano), cure essenziali, tutela della maternità responsabile e della gravidanza, tutela della salute dei minori.
Tutte le prestazioni, le prescrizioni e le pratiche di rendicontazione saranno effettuate mediante l’utilizzo del codice stp (straniero temporaneamente presente), rilasciabile dal Pronto Soccorso.

Le strutture sanitarie non possono segnalare alla polizia cittadini stranieri in situazione di irregolarità. Anche la segnalazione alle autorità consolari è previa autorizzazione dell’interessato.

Ai pazienti non residenti viene fornito un modulo informativo relativo ai percorsi di assistenza territoriale alternativi al Pronto Soccorso.

'