Presentare un reclamo

All’interno del Servizio Sanitario della Regione Toscana sono state stabilite alcune regole comuni a tutti i soggetti erogatori di servizi per garantire un percorso chiaro e univoco al cittadino e per favorire l’uso dei reclami nei processi di valutazione e miglioramento della qualità dei servizi erogati.

In ogni Azienda Sanitaria, infatti, esiste un Regolamento di pubblica tutela, che disciplina in maniera molto dettagliata il percorso del reclamo. I soggetti coinvolti nel processo di tutela sono l’URP, la Commissione Mista Conciliativa, e il Difensore civico regionale.

Cosa è un reclamo
Il reclamo è la segnalazione formale di disservizio, sottoscritta e indicante i dati della persona che sporge reclamo e che implica una risposta di chiarimento da parte dell’azienda.

Chi può presentarlo
Direttamente l’interessato o tramite parenti, affini, associazioni di volontariato e tutela, nel rispetto delle norme dettate dal D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Reclami e segnalazioni possono essere presentati

telefonicamente alla Linea Verde URP 800 29 72 11  oppure ai numeri 0584 605 5288-9807

– per fax, al numero 0584 605 8774

– per Email, all’indirizzo urp@usl12.toscana.it

 – per posta ordinaria, all’indirizzo: Azienda Usl12 di Viareggio – Via Aurelia 335, 55041 Lido di Camaiore (Camaiore – Lucca)

di persona, presentandosi presso la sede dell’Accoglienza URP Piano Terra Ospedale Versilia, aperta al pubblico dal lunedi al venerdi dalle 8.30 alle 16.30.

Per la presentazione di reclami e segnalazioni, può essere utilizzato l’apposito modulo scaricabile da qui.

Che percorso segue il reclamo

Una volta ricevuto il reclamo, l’URP svolge un’indagine interna per accertare i fatti. L’utente riceve una risposta con lettera entro 30 giorni, in cui vengono fornite all’ autore del reclamo informazioni sugli accertamenti effettuati e gli eventuali provvedimenti adottati. Nei casi in cui siano necessari accertamenti tecnici più approfonditi la risposta può essere formulata in un periodo che di norma non superi i 60 giorni dal ricevimento del reclamo.

Il cittadino qualora non ritenga soddisfacente la risposta dell’azienda, può ricorrere, per un riesame del caso, alla Commissione Mista Conciliativa, composta da sette membri: tre rappresentanti delle associazioni di volontariato e tutela, tre dipendenti dell’azienda ed un presidente designato dal Difensore civico del comune dove ha sede la direzione generale dell’azienda, d’intesa con le associazioni di volontariato e tutela.

Per gli ulteriori apprfondimenti si rimanda al Regolamento aziendale di Pubblica Tutela ed alla pagina dell’ Ufficio Relazioni col Pubblico

I suggerimenti o le osservazioni sono comunque utilizzati dall’azienda per migliorare i servizi offerti all’utente.

'